l’ANALISI PREDITTIVA

Equilibratura di ventilatori, elettromandrini e macchine rotanti

Le vibrazioni dovute allo squilibrio causano la rottura dei cuscinetti e possono provocare anche una rottura della macchina rotante stessa.

Maschietto Elettromeccanica offre assistenza e manutenzione nel settore della ventilazione industriale e degli impianti di automazione industriale che utilizzano macchine rotanti in genere, con professionalità e competenza allo scopo di mantenere gli impianti di ventilazione in perfetta efficienza.

equilibratura

COS’È’ L’EQUILIBRATURA?

Un sistema si dice in equilibrio meccanico quando la risultante delle forze agenti sul corpo e uguale a zero. Nel caso di ventilatori, elettromandrini o di qualsiasi macchina rotante, le vibrazioni causate dalla rotazione generano lievi spostamenti del rotore che modificano questo rapporto. L’equilibratura è un operazione molto delicata che, attraverso l’utilizzo di strumenti di precisione, riporta il rotore in condizione di equilibrio.

equilibratura

PERCHÉ È IMPORTANTE ESEGUIRE L’EQUILIBRATURA di ventilatori, elettromandrini e macchine rotanti in genere?

Effettuare l’equilibratura con regolarità è molto importante. Da questo dipende la qualità degli ambienti di lavoro e della produzione stessa. Basti pensare, ad esempio, ai danni economici causati da un cattivo funzionamento dell’impianto di aspirazione in aziende che si occupano di verniciatura industriale (polvere che si deposita sui pezzi verniciati causando danni al prodotto finito, commesse che tornano indietro, ritardi di produzione).

Noi di Maschietto Elettromeccanica l’equilibratura la facciamo così:
– Perfetta pulizia delle parti rotanti, anche attraverso sabbiatura
– Asportazione e applicazione materiale sul rotore a seconda della necessità.
– Test di equilibratura.
– Rilascio del certificato di equilibratura.

equilibtatura-cilindri

EQUILIBRATURA DEI CILINDRI DI RISCONTRO

Innanzitutto noi utilizziamo un’equilibratrice dinamica a supporti rigidi. Questi cilindri sono prodotti in serie e prima della finitura in rettifica, prevedono l’equilibratura del pezzo, in modo che quando questo viene installato sulla macchina non provochi vibrazioni anomale.

Il cilindro viene montato sulla macchina equilibratrice, appoggiato su due supporti. Il cilindro viene fatto ruotare tramite un trascinamento a cinghia o a volte cardanico, con il quale viene rilevata anche la posizione angolare; viene portato in rotazione con una velocità specifica. La macchina analizzando i parametri rilevati dai vari sensori fornisce la posizione specifica in cui aggiungere o togliere i pesi di equilibratura.  Questo grazie al fatto che utilizziamo un’equilibratrice dinamica, che permette di equilibrare una girante con qualsiasi lunghezza (mentre l’equilibratrice statica riesce a controllare solo giranti di lunghezza irrisoria, come ad esempio un disco o una ventola piatta).

Una volta rilevati i punti dove eseguire una foratura viene posizionato il cilindro su un trapano verticale con il quale vengono fatti dei fori graduati in modo da asportare il peso che la macchina richiede al diametro e angolo indicato. Per ottenere questi risultati bisogna opportunamente configurare la macchina con tutte le misure del cilindro, con il peso, le tolleranze richieste dal cliente o calcolate secondo norme ISO e velocità di rotazione del cilindro una volta installato, in servizio.

Alla fine dell’equilibratura viene stampato un certificato riportante il grado di equilibratura, lo squilibrio prima dell’equilibratura e lo squilibrio residuo alla fine dell’equilibratura. 

equilibtatura-elettromandri

EQUILIBRATURA DI ALBERI DI MOTORI AD ALTA FREQUENZA

Innanzitutto noi utilizziamo un’equilibratrice dinamica a supporti rigidi. Questi cilindri sono prodotti in serie e prima della finitura in rettifica, prevedono l’equilibratura del pezzo, in modo che quando questo viene installato sulla macchina non provochi vibrazioni anomale.

Il cilindro viene montato sulla macchina equilibratrice, appoggiato su due supporti. Il cilindro viene fatto ruotare tramite un trascinamento a cinghia o a volte cardanico, con il quale viene rilevata anche la posizione angolare; viene portato in rotazione con una velocità specifica. La macchina analizzando i parametri rilevati dai vari sensori fornisce la posizione specifica in cui aggiungere o togliere i pesi di equilibratura.  Questo grazie al fatto che utilizziamo un’equilibratrice dinamica, che permette di equilibrare una girante con qualsiasi lunghezza (mentre l’equilibratrice statica riesce a controllare solo giranti di lunghezza irrisoria, come ad esempio un disco o una ventola piatta).

Una volta rilevati i punti dove eseguire una foratura viene posizionato il cilindro su un trapano verticale con il quale vengono fatti dei fori graduati in modo da asportare il peso che la macchina richiede al diametro e angolo indicato. Per ottenere questi risultati bisogna opportunamente configurare la macchina con tutte le misure del cilindro, con il peso, le tolleranze richieste dal cliente o calcolate secondo norme ISO e velocità di rotazione del cilindro una volta installato, in servizio.

Alla fine dell’equilibratura viene stampato un certificato riportante il grado di equilibratura, lo squilibrio prima dell’equilibratura e lo squilibrio residuo alla fine dell’equilibratura. 

equilibtatura-VENTOLA

EQUILIBRATURA DI ALBERI DI MOTORI AD ALTA FREQUENZA

Questi motori, installati su una macchina per la lavorazione del legno (un incisore), durante la revisione devono essere riequilibrati per evitare difetti di lavorazione del prodotto finito causati da vibrazioni eccessive. Le tolleranze di equilibratura vengono calcolate secondo normative ISO in base alla forma, al peso e alla velocità di rotazione.

La macchina equilibratrice, in questo caso dinamica a supporti oscillanti, ci indica dove e quanto asportare dall’indotto. Dopodiché pratichiamo dei fori nei punti in cui l’equilibratrice indica lo squilibrio. Normalmente sono pochi grammi, in questo caso circa 1-2 g. Ad equilibratura ultimata viene stampato un certificato che attesta la corretta lavorazione. Dopo aver riassemblato il motore comproviamo la corretta equilibratura eseguendo un controllo vibrazionale alla massima velocità di rotazione. In questo modo garantiamo al cliente il perfetto funzionamento del motore e di conseguenza anche il corretto funzionamento della nostra macchina equilibratrice.

EQUILIBRATURA DI ALBERI DI VENTILATORE

Equilibratura di un ventilatore è necessaria per evitare vibrazioni che ad alte temperature possano piegare l’albero del motore o danneggiare i cuscinetti.

Spesso le tolleranze sono molto basse e l’equilibratura viene fatta sui due piani in modo da garantire la miglior precisione. Viene bilanciata la ventola (in due punti) e viene verificata l’equilibratura dell’albero del motore in modo che nell’insieme lo squilibro residuo sia pressoché nullo. Si va a correggere sui due piani la girante grazie all’equilibratura dinamica. Per evitare squilibri di coppia che provocherebbero oscillazioni assiali alla struttura e all’albero del motore sollecitando eccessivamente così i cuscinetti.

La girante viene appoggiata sui due supporti dell’equilibratrice dove sono installati i sensori di vibrazione. Successivamente viene verificata con un lancio, che ci serve per conoscere lo squilibrio iniziale. Viene trainata tramite un giunto cardanico, a questo punto i sensori rilevano le vibrazioni, il computer elabora i dati e visualizza lo squilibrio sul display. La macchina, attraverso un software preimpostato ci indica dove aggiungere o togliere peso tramite la saldatura. Dopo aver effettuato la saldatura con apposito elettrodo per acciaio a temperature alte effettuiamo un secondo lancio. Questo è per verificare se lo squilibrio residuo è entrato in tolleranza o se dobbiamo ulteriormente correggere l’equilibratura.

Dopodiché viene stampato un certificato con i valori riportati prima e dopo la correzione fatta con la saldatura. Una volta riassemblato il ventilatore si effettua una misura di analisi vibrazionale con strumentazione SKF. Per una controprova che l’equilibratura sia stata eseguita correttamente e che il ventilatore non abbia vibrazioni. Questo tipo di intervento sui ventilatori delle linee di trattamento termico ha permesso al cliente di allungare gli intervalli di manutenzione del 25%.

Maschietto Elettromeccanica

Maschietto Elettromeccanica s.r.l. | P.iva e C.F. 01223680933 | Via A. Volta, 4 – 33082 Azzano Decimo (PN) | privacy police
Tel. +39 0434 640077 | Fax +39 0434 640174 | info@maschietto.com | facebook | instagram